giovedì 25 luglio 2013

Non c'è mai fondo al peggio





 Matteo Dall'Osso, che combatte da anni la battaglia contro la sua malattia (Sclerosi multipla), mentre leggeva il suo intervento ha perso il filo del discorso per la stanchezza derivante dall'orario. Nonostante tutta l'aula fosse a conoscenza del male che Matteo sta tentando di sconfiggere da tempo (Sclerosi multipla) alcuni parlamentari si sono permessi di sbeffeggiarlo in aula. La notizia è anche riportata dal corriere tv.
Attendiamo che a loro, dai partiti che lì hanno nominati (PD e Scelta Civica), sia richiesto di dimettersi e non rappresentare l'Italia, o in ogni caso di espellerli. Quando si ride del più debole è vicina la via della barbarie.

1 commento:

Daniele Mattioli ha detto...

Credo che l'unica via possibile, ormai, sia di ribaltare questo Paese, contando sulla forza dei singoli, sull'intelligenza che ancora c'è. Le legioni dei decerebrati sono agguerrite.